Antipasti

Antipasti ed entrée della cucina tradizionale toscana consigliati dal Bocca. Tante gustosissime proposte, di mare o di terra, da preparare e degustare soli o in compagnia, per assaporare al meglio i sapori della nostra Toscana. 

625 – Uovo affogato…e mai più ritrovato!

L'uovo in camicia affogato è una ricetta tipica toscana una bontà tutta da scoprire, un antipasto delizioso facile e veloce da preparare.

05 – Cozze al tramonto… le tracanno senza sconto!

Tipico piatto della tradizione livornese i “datteri” al tramonto altro non sono che cozze – termine poco utilizzato dai livornesi che generalmente preferiscono “datteri”- cucinate nella salsa di pomodoro con l’aggiunta finale dell’uovo che conferisce al piatto i colori appunto del tramonto, quel tramonto che tutti gli abitanti di Livorno conoscono bene, quando le sfumature del cielo si mescolano insieme in un’esplosione cromatica unica, riflettendosi sul nostro amato mare.

420 – Crostini alle alici ai profumi di Capraia… buongustaio o buongustaia?

I crostini alle alici ai profumi di Capraia sono uno sfizioso antipasto tipico toscano, molto semplice e veloce da realizzare. I crostini con le alici sono perfetti anche per un buffet, per una cena tra amici oppure da inserire nei menù delle feste. La salsina a base di alici, nepitella, aglio, origano, prezzemolo, olive e capperi poi è perfetta per insaporire i crostini di pane.

403 – Alici ripiene al forno con pecorino e lardo di colonnata… meglio di una serenata!

Le alici ripiene al forno con pecorino e lardo di colonnata sono un delizioso piatto da preparare per tante occasioni. Per realizzare questa ricetta occorrono pochi e semplici ingredienti: pecorino, lardo di colonnata, pangrattato, erbe aromatiche e ovviamente le alici.

360 – Tortino di baccalà su crema di ceci… e una siuski ci feci!

Il tortino di baccalà su crema di ceci è una ricetta semplice e leggera, un’idea raffinata per la vista ed il palato. La crema di ceci si sposa perfettamente con il sapore deciso del baccalà. Un piatto light ma ricco di gusto, l’ideale per fare un figurone durante una cena tra amici. Il tortino di baccalà su crema di ceci può essere proposto come antipasto oppure come seconda portata.

334 – Pane burro e alici… tutti quanti son felici!

Pane burro e alici sono un grande classico, semplici da preparare e molto gustose, sono ottime per una saporita merenda o per un buffet. Le alici appartengono alla categoria del pesce azzurro con la quale hanno in comune colore del corpo, forma e dimensione. Come tutto il pesce azzurro anche le alici sono ricche di proprietà nutrizionali come: grassi omega-tre, calcio, ferro, selenio, fosforo e proteine. Introducendo gli omega-tre aiutiamo il nostro corpo a smaltire i carichi di tossine che lo appesantiscono e lo irritano.

15 – Ostriche alla livornese… prelibatezza borghese

Essendo Livorno città di mare, non poteva certo mancare una ricetta simile che rimanda direttamente alle origini della città, quando i marinai antignanesi ne pescavano grande quantità. Sono le ostriche alla livornese, piatto pensato certamente da una cucina di un certo livello per la ricca borghesia mercantile labronica.

39 – Alici o acciughe indorate e fritte… e ti scordi le sconfitte!

Le acciughe indorate e fritte sono alla base della frittura livornese: sfilettate, infarinate e indorate vengono fritte fino a che non diventano croccanti e sono pronte da essere gustate come antipasto o come secondo di mare, meglio ancora se accompagnate da altri pesci fritti.

40 – Acciughe alla povera… bontà che un s’annovera

Le acciughe alla povera, come suggerisce il nome, costituivano uno dei numerosi piatti poveri livornesi. Perché alla povera? Perché gli ingredienti necessari alla realizzazione del piatto sono pochi, così come povero è il procedimento.

52 – Sarde alla Peyron… anche dentro il biberon!

Le sarde alla Peyron sono invenzione di un tale Guido Peyron, pittore e gastronomo fiorentino il quale, trasferitosi nei primi del ‘900 a Livorno, si innamorò così tanto dei sapori e dei profumi della città che decise di dedicare alle sarde un disegno e questa ricetta. È un piatto umilissimo e saporitissimo e di questi tempi sembra davvero adatto!